CANTANTE

AUTRICE

ATTRICE

Sara Jane Ceccarelli

​SINGER

SONGWRITER

ACTRESS

"​COLORS"

Story of a girl who wanted to record an album.

 

​Questo il titolo del mio ArtAlbum, in uscita con iCompany. Perchè non si tratta di un semplice album musicale, ma di tante piccole "Opere d'Arte" che ognuno ha voluto regalarmi. Tante e speciali sono le persone che ne hanno preso parte, come le vere avventure vogliono. E allora lasciate che ve li presenti. 


This is the title of my ArtAlbum, produced by iCompany. It’s not just your run-of-the-mill album, but it’s made up of many tiny “Works of Art” that have been lovingly given to me. As befitting of any great adventure, many very special people have collaborated in this endeavor. Let me introduce you to them.

 

      __________________________ _ _ _ _____________________________


Let me introduce you to...CAPITOLO 1: LUIGI DI CHIAPPARI.

Ve li voglio presentare ad uno ad uno i "soggettoni" che hanno preso parte a quello che io definisco "artalbum", dove ognuno è stato lasciato libero di poter creare, e io libera di affidarmi. 
Il primo che vi presento è LUIGI DI CHIAPPARI, un genio. Il mio braccio destro. Non sa di essere un genio, e questa è la cosa più divertente. Non sa nemmeno di essere il produttore artistico di questo disco, se glielo dici si arrabbia. Pianista...troppo poco. Polistrumentista...io direi un talento. Con tutta la difficoltà di acchiappare un talento e farlo stare chiuso ore e ore a studio. Ma il gioco vale la candela. 
Tra i migliori pianisti jazz d'Italia 2015 nelle classifiche di ‪#‎Jazzit‬, sa tutto di musica...ma anche di libri...ah, pure di ingegneria. Come direbbe lui in gergo strettamente tecnico, "apre".
Piano piano ve li presento tutti...pure quelli che non sanno di far parte di questa banda di "soggettoni". Noi entro l'anno ve lo vogliamo far ascoltare...proprio ci brucia il pavimento sotto ai piedi. 

One by one I'm going to introduce you to all the "characters" that are part of what I like to call "ArtAlbum".. where everyone was free to create and I was free to trust them.
The first one I want to introduce to you is LUIGI DI CHIAPPARI, a genius. He's my right-hand man. The funny thing is he doesn't know he's a genius. He doesn't even know that he's the music producer of this album and if I tell him he gets mad.
Pianist.. but that doesn't really say enough about him. Multi-instrumentalist.. I daresay a talent with the downside being how difficult it is to keep a talent locked away for hours in the recording studio. But it was worth it!
#Jazzit ranks him as one of Italy's best jazz pianists for 2015. He knows everything there is to know about music... and about books.. ah.. and about engineering. As he's known to say in strictly technical lingo... "Let it out"!
Slowly but surely I'll introduce them all to you... even those that still don't know they're part of the "cast". By the end of the year we want you to be able to listen to our Album... and believe me we're chomping at the bit to get it out.

      __________________________ _ _ _ _____________________________

 

Let me introduce you to...CAPITOLO 2: ANNE TRUELSEN GEERTSEN.

Continua la saga sui compagni di avventura.....Ora immaginate la persona piu' dolce del mondo, bionda con gli occhi azzurri, con la forza di un uomo (quando la vedevi con leggiadria caricarsi la sua tastiera sulle spalle), determinata, profondamente innamorata dell'Italia che come dice lei "funzionera' pure peggio della Danimarca ma ti rende battagliero...le cose te le devi sudare". Pianista e compositrice elegante, ringrazio il cielo di averla incrociata in un bar di Roma e da li' it was love. Si suona insieme per un anno, si ride, io che speravo di parlare inglese e lei che voleva imparare l'italiano, ci salutiamo con malinconia promettendoci di continuare a lavorare insieme...mi lascia un biglietto prima di partire, che diventera' il testo di un brano del mio Artalbum ‪#‎Colors‬ in uscita a breve. Poi la raggiungo per suonare insieme al Copenaghen Jazz Fest e dopo poco mi dona altre parole, testo di un altro brano. Altra "soggettona" di questa banda di persone speciali.
Lei e' meravigliosa.
Seguite il suo progetto Anelogi, www.soundcloud.com/anelogi

The band saga continues….. Now try to imagine the sweetest person in the world: blond, blue eyes, the physical strength of a man (you should see her pack up her keyboard and sling it across her back), determined, deeply in love with Italy which she says “might not always function as smoothly as Denmark but it makes you stronger… you’ve got to fight for what you want”. Polished pianist and composer, I thank the Heavens we met in that coffee shop in Rome.. and it was love. We played together for a year, we laughed, I was hoping to brush up on my English but she wanted to learn Italian. We sadly said goodbye with the promise to continue to work together… she left me a note before she left and the words became the lyrics for a song in my ArtAlbum #Colors that will soon be released. We played together at the Copenhagen Jazz Fest and soon after I received another gift of words.. new lyrics for a song. Another one of the special “characters” that make up the band.
She’s incredible.
Follow her music project Anelogi, www.soundcloud.com/anelogi

      __________________________ _ _ _ _____________________________

 

Let me introduce you to.... CAPITOLO 3: ISABELLA SANNIPOLI.

 

Solitamente non è lei che appare in foto. Lei le foto le fa. Ma è così bella che ve la voglio presentare come si deve.
Otre ad essere una "fine narratrice della realtà" è costumista (sul serio), vincitrice di numerosi premi per i suoi lavori contemporanei che incantano anche i più ignorantoni come me, esperta di Photo Therapy (e non me ne stupisco data la sua immensa sensibilità), e talentuosa truccatrice per necessità...soprattutto è una vera "matta di Gubbio". Ha viaggiato e girato parecchio ma per fortuna ha scelto l'Umbria, e io le ho affidato la mia immagine, ormai da tempo. Le ho lasciato carta bianca, perché me l'ha chiesto. Mi ha chiesto se per questo Artalbum poteva anche lei realizzare la sua "opera d'arte". Musica e fotografia, ma non solo. Suoi disegni. Ma non solo. Sua infinita genialità. Ogni canzone l'ha voluta raccontare a modo suo, molte domande, a dimostrare la grande devozione per il "lavoro ben fatto".
E poi con lei si ride un sacco.
Ah dimenticavo...non ho idea di come saranno copertina e libretto del mio ‪#‎Colors‬...per ora lo sa solo lei.
Ladies and gentlemen, ISABELLA SANNIPOLI.
www.aediphotographers.com

She’s usually not the one you see in photos. She's the one that takes the photos…but she’s so beautiful that I want to give her a proper presentation.
Besides being a “refined narrator of reality”, she’s also a costume designer (it’s true!), the winner of many awards for her contemporary works that have enchanted many even an ignoramus like me, an expert in Photo Therapy (this doesn’t surprise me because I’m familiar with her great sensibility), and a talented make-up artist…. Wait, I forgot.. she’s also an authentic “madman from Gubbio”. She’s travelled a lot but fortunately she chose Umbria and I’ve trusted her with my image for quite some time now. I gave her free rein because she asked me to. She also asked if she could create her own “work of art” for this ArtAlbum. Music & photography, and lots more. Her drawings. But there’s more. Her pure genius. She wants to portray each song in her own way, and she asks a lot of questions that show how devoted she is to doing “a job well done”.
And we laugh a lot together.
Hey wait I forgot.. I have no idea what my #Colors album cover or booklet will be like… at the moment she’s the only one that knows.
Ladies and gentlemen, ISABELLA SANNIPOLI.

www.aediphotographers.com 

      __________________________ _ _ _ _____________________________

 

Let me introduce you to....CAPITOLO 4: NICOLA ROTIROTI.

Direte voi...cosa c'entra un pittore con un album di musica?
Prendete due sconosciuti, che si incontrano per caso, tramite una conoscenza comune, ad un concerto. Lui dice "sono pittore" e tu chiedi, incuriosita dal personaggio, "Cosa dipingi?". Imbarazzo, forse piu' timidezza. E chiede all'amico "Spiegaglielo tu". Disegna corpi in acqua, e corpi fuori dall'acqua visti da dentro l'acqua. Lui ascolta silenzioso la descrizione dei suoi lavori, e sorride. Gli piace come l'amico sta raccontando la sua arte. Strani baffi, capello da bohémien, tutto nei suoi gesti e' dosato. 
E poi nasce una canzone, su di lui. NICOLA ROTIROTI ė il suo nome. Diventiamo amici. Molto amici. E lui decide di ricambiare il dono, e insieme all'amico regista Elio Gentile si inventano un videoclip, non mi avvertono....arrivo al suo meraviglioso Studio 54 condiviso con altre magiche creature artistoidi, e cominciano a fare riprese...altra avventura meravigliosa che aspetta di uscire insieme al mio ‪#‎Colors‬.
Tutto gira intorno ad un'unica domanda: perche' un uomo dovrebbe disegnare corpi in acqua?
 www.rotiroti.it

You’re probably wondering… what does an artist have to do with music?
Take two strangers with a friend in common who meet by chance at a concert. He says “I’m an artist” and you ask “What do you paint?”. Perhaps more timid than embarrassed, he turns to his friend and says “You tell her”. He draws bodies in water and bodies outside of the water as seen from below the water. He listens silently as his friend describes his work and smiles. He likes how his friend is describing his artwork. A wierd mustache, a bohemian hat, his every movement is calculated.
And then the song was born, about him. His name is NICOLA ROTIROTI. We became friends. Good friends. He decides to exchange the favor and together with his friend Elio Gentile, film director, they invent a video clip. When I arrived at his incredible Studio 54 that he shares with other magical artsy characters, they surprised me and began to shoot the video… another incredible adventure that will be released together with my #Colors.
It all boils down to one single question: why would a man draw bodies in water?
www.rotiroti.it

 

      __________________________ _ _ _ _____________________________

 

Let me introduce you to....CAPITOLO 5: ANDREA GUASTADISEGNI E IL SUO STUDIO GUASTO.

"The Silent Electronics Boy".

A metà del racconto, in attesa che la nostra musica veda la luce, è ora che vi presenti uno dei magnifici 3 che mi accompagnano (e sopportano)...lui è l'ultimo arrivato, ma è stata la chiave di volta...come nelle più belle avventure. Nonostante sia il più giovane, l'aria solenne e il fare silenzioso obbligano alla concentrazione anche chi vorrebbe cedere al cosiddetto cazzeggio...e pensare che tra drum machines e moduli analogici la sua vita è "nel rumore". Si laurea a Londra a pieni voti in Audio Production e per nostra fortuna decide di tornare in Italia...in realtà l'ho conosciuto quest'estate al mare, per caso, con tanto di partita a calcetto. E quando il disco ha preso una piega più "moderna", la memoria ha detto "ho l'uomo che fa per noi".

Si chiama Andrea Guastadisegni, il suo studio semplicemente Studio Guasto. E a chi si chiede ancora se a Roma ci siano geniacci all'avanguardia con l'elettronica, ora non potete più lamentarvi.

Ah dimenticavo...se gli parli della magggica Roma, allora pure lui cede al cazzeggio... 
www.guastadisegni.net

"The Silent Electronics Boy".

We’re about halfway through our story and getting ready for our music to see the light of day. I guess it’s time to introduce you to one of the Magnificent 3 that have been by my side (and put up with me) in this journey. He was the last one to join us but he’s our cornerstone. Even though he’s the youngest of the group, his solemn demeanor and silent ways force us to stay concentrated even those of us prone to fooling around… and to think that between his drum machines and analog modules, his life revolves around “noise”. He graduated with flying colors in Audio Production in London and fortunately he decided to come back to Italy. I actually met him by chance this summer at the beach, a day that ended with a soccer game between friends. When this album took on a more “modern” twist, it just hit me one day that “he was the right man for us”. 

Hi name is Andrea Guastadisegni, and his studio is simply Studio Guasto. And for those of you who are still wondering if you can find an avant-garde electronics genius in Rome, well now you know the answer.

Ah, wait.. I forgot… if you happen to mention the magical Roma Football Team, well that’ll finally get him goofing around… 

www.guastadisegni.net

 

      __________________________ _ _ _ _____________________________


Let me introduce you to...CAPITOLO 6: ANGELO OLIVIERI.

Signore e Signori il Maestrissimo Angelo Oliveri, e la sua special trumpet.
Sara' nel brano che da' anche il titolo al nostro ‪#‎artalbum‬, ‪#‎Colors‬.
Un maestro con cui condivido l'avventura nella Med Free Orkestra, e dal quale si impara sempre qualcosa.
La featuring era d'obbligo...grazie Maestro.

Ladies and Gentlemen, and here we have Maestro Angelo Oliveri and his special trumpet.
He makes a guest appearance in the song track that also gives its name to our #artalbum, #Colors.
He shares the Med Free Orkestra adventure with me and there’s always so much I can learn from him.
Your collaboration was indispensable...Thanks Maestro.

 

       __________________________ _ _ _ _____________________________

 

Let me introduce you to....CAPITOLO 7: PAOLO CECCARELLI.

Beati gli ultimi perchè saranno i primi....almeno nel mio cuore.
In questi giorni si masterizza e si stampa il nostro ‪#‎ArtAlbum‬ ‪#‎Colors‬, ultimi ritocchi, cambiamenti grafici dell'ultimo minuto tanto per far impazzire la nostra Isabella Sannipoli, dubbi amletici che rimarranno tali, e sogni notturni che assomigliano a quelli della notte prima della maturità...
Ve li ho presentati quasi tutti i miei compari.

Per ultimo ho lasciato il mio socio da una vita. Chitarrista dalla sensibilità rara, ho sempre pensato che per lui la musica fosse qualcosa di sacro, e ogni volta lui ci "entra" in punta di piedi, come quando si varca il portone in un monastero e la grandezza è tale da richiedere silenzio e raccoglimento. Ho assistito da vicino a tante fatiche, a tanti anni sulla sua chitarra (nel frattempo la "famiglia" si è allargata con banjo, tres, mandola, sitar...che a trovarli mancini ci vuole sempre il doppio del tempo...). Siamo diversi in molte cose, ed è la diversità che forse ci ha permesso di lavorare insieme tanti anni. 
Nel disco le chitarre sono tutte sue (tranne un brano dove il Di Chiappari non ha resistito), equilibrate e discrete e allo stesso tempo cariche della sua grande passione e attenzione. 
Mi fa arrabbiare solo perchè non risponde mai al telefono.

Signore e Signori, mio fratello Paolo Ceccarelli.


​Blessed are the last for they shall be first….or at least in my heart.
In the past few days, we have been mastering and printing our #ArtAlbum #Colors, last minute touches, and last minute changes to the design and graphics, which I must say, has been driving our very own Isabella Sannipoli crazy! Hamlet-like indecisions that have no answers, nightmares that resemble those before final exams….
I’ve presented almost all of my music associates.

But there’s one that I’ve left for last, my life-time partner. A guitarist with a rare sensitivity; I’ve always felt that music for him is something sacred, and every time he approaches it he does so with great respect.. It’s almost like when you enter a monastery where the grandiosity of it requires silence and meditation. I’ve been at his side through many endeavors, through his many years of practice on the guitar (by the way, the family has gotten bigger and now includes a banjo, tres, mandola, sitar… and believe me to find them all for a left-handed player takes double the time). We are quite different in many ways and it’s probably this diversity that has allowed us to work together for all these years. 
In this album he plays all the guitars (except for one song where Di Chiappari just couldn’t resist playing), well-balanced and discrete yet at the same time overflowing with passion and concentration.
He just makes me mad when he doesn’t answer the phone.

Ladies and Gentlemen… my brother Paolo Ceccarelli.


       __________________________ _ _ _ _____________________________    


Let me introduce you to...CAPITOLO 8: THE GUESTS.

Siamo in stampa...a parte sognare che la stamperia si sbaglia il tipo di carta, il corriere si perde il pacco, i nomi dei musicisti sono scritti in cirillico...per il resto ci siamo. Ci siamo divertiti, in realtà non avremmo mai voluto finire: stare allo ‪#‎studioguasto‬ è molto divertente. Ma ora tocca preparare il live, a breve tutte le info, si partirà da Roma. Oltre ai miei 3 moschettieri ci sono tanti amici che hanno suonato nel disco, e assecondato la nostra folle modalità lavorativa: chiudi gli occhi e vai. Il Signor Alessandro Del Signore, spada di intonazione col suo contrabbasso e super groovoso col suo basso elettrico. Il Folle Daniele Di Pentima, che passava dal trip-hop alle tabla facendo il giro del mondo in un secondo; il Principe Riccardo Di Fiandra, amico e bassista quasi con l'alloro in testa. 
Ultimo tra i miei soldati, ma primo nel mio cuore, Vincenzo Vicaro, che con il suo inconfondibile sax baritono è diventato parte "viva" del nostro mondo perlopiù elettronico. Grazie di cuore a tutti.

E poi l'Amico Andrea Satta, che ha accettato una sfida non semplice di cui ancora non possiamo anticiparvi nulla.
Grazie per la fiducia, per la dedizione da tutti noi molto apprezzata...e per aver portato un pò di italiano in questo album quasi tutto anglofono. 

E mio padre.
Senza di lui non si poteva chiudere il mio primo disco. Perché la musica me l'ha regalata lui (fosse solo per il fatto che a 3 anni già mi portava a lezione di pianoforte)... e perché mi ha insegnato il modo in cui vivere questo mondo, con estremo rispetto e gratitudine. Sempre. 
Ha suonato un Gran Coda dagli amici della Digital Records, col suo tocco per me ormai inconfondibile e la sua meticolosità impeccabile.
Grazie Papone.

Signore e signori ci siamo quasi.


The CDs are being printed…. And except for a recurring nightmare that they will somehow mess up the covers, the courier will lose the shipment, the names of the musicians are written in Cyrillic…we’re almost done. We had fun and we don’t want it to end: hanging out at #studioguasto was a lot of fun. Now it’s time to get our “live concert” ready. I’ll have all the venue info & dates out soon… but for now I can let you know that we’ll be starting out from Rome.
Besides my 3 Musketeers, we had a lot of friends joining us on this album. They even adapted to our crazy way of working, and that is: just close your eyes and go! Mr. Alessandro Del Signore and his refined double bass and super groovy electric bass. Madman Daniele Di Pentima who brought us on a whirlwind world tour with his trip-hop and tablas. Prince Riccardo Di Fiandra, friend and bass player; and, the last of my footmen but the one closest to my heart, Vincenzo Vicaro who became a “vital” part of our electronic world with his unmistakeable baritone sax.
My heartfelt thanks to all of you.
And then there’s my Friend Andrea Satta who took on a challenge that I cannot yet reveal.
Thank you for your faith in me and for your much-appreciated dedication… and for having brought a bit of Italian to this almost all English album. smile emoticon
And then there’s my father.
Without him I couldn’t have completed my very first album. He gave me the gift of music (I was only three when he started me on piano lessons)…. And he taught me how to live in this world, with great respect and gratitude.
Always.
He played the Grand Piano at our friends’ studio, Digital Records, with his unmistakeable touch and his impeccable precision.
Thanks Daddy.
Ladies and Gentlemen… we’re almost at the Finish Line.